M5S: IL CONSIGLIERE LA GRUTTA PRESENTA UNA MOZIONE PER RISOLVERE LE CRITICITA` AL DEPURATORE

(4 Novembre 2014) In queste settimane il dibattito sulla questione concernente la questione depuratore comunale ha posto l’attenzione, non solo sui miasmi maleodoranti che i cittadini hanno dovuto sopportare, ma anche sulla effettiva efficienza del depuratore stesso.

Da questo dibattito, culminato nel Consiglio aperto che si è svolto in data 27 ottobre 2014, è scaturita una mozione presentata in data 31 ottobre 2014 (primo firmatario il portavoce del M5S Nicolò La Grutta).

Insieme ai diversi rappresentanti delle associazioni e dei cittadini che sono intervenuti durante la seduta aperta, si è deciso di redigere e presentare una mozione al fine di impegnare l’Amministrazione comunale mazarese ad attivarsi per risolvere con urgenza le criticità che sono emerse, durante la seduta aperta del consiglio comunale, in termini di efficacia ed efficienza del depuratore sito in Contrada Bocca Arena.

Alcune proposte della mozione vertono alla predisposizione di atti che vanno dall’ampliamento del depuratore all’ottimizzazione del processo di disinfezione al fine di garantire bassi valori di escherichia coli.

Fra le altre cose si propone anche di mettere in atto una defiscalizzazione delle imposte per i cittadini residenti nelle zone limitrofe al depuratore di contrada Bocca Arena che in questo periodo hanno dovuto sopportare il disagio di convivere con degli odori nauseabondi.

Inoltre viene sottolineata l’importanza di una informazione puntuale, ed auspicata la pubblicazione (sul sito del comune) di tutti i dati delle varie rilevazioni e analisi effettuate periodicamente.

“Sono molto contento della partecipazione attiva dei cittadini e delle varie associazioni, – dichiara il portavoce La Grutta – cittadini che, addirittura hanno collaborato fattivamente e con competenza alla redazione della mozione che impegna l’Amministrazione a risolvere le criticità riscontrate al depuratore di c/da Bocca Arena. Ringrazio per l’impegno il Sig. Vito Stella, la signora Giulia De Pasquale e la signora Lucia Bono e tutti coloro che hanno voluto contribuire a scrivere questo documento che verrà adesso presentato al vaglio del Consiglio comunale.”

La mozione è stata calendarizzata e aggiunta come ordine del giorno della prossima seduta di Consiglio comunale.

L’auspicio è che i Consiglieri comunali tutti vogliano avallare tali proposte, volte alla difesa di un fondamentale diritto che è la salute pubblica, votando favorevolmente la mozione il cui testo è pubblicato di seguito:

“MOZIONE

Criticità depuratore C/da Bocca Arena – interventi urgenti

DESTINATARI

Al Presidente del Consiglio comunale; al Sindaco della citta di Mazara del Vallo; all’Assessore comunale competente per delega; ai dirigenti dei settori competenti.

Con la presente mozione,

i consiglieri comunali La Grutta, Safina, Foggia________ in virtù dell’art. 25 del vigente “regolamento sui lavori del Consiglio comunale”,

PREMESSO che è certamente intendimento delle SS.VV. prendersi cura e migliorare le condizioni ambientali del nostro territorio, e in particolare è urgente provvedere a far funzionare a pieno regime il depuratore sito in Co/da Bocca Arena;

ALLA LUCE di quanto emerso nella seduta di consiglio comunale aperto dello scorso 27 ottobre 2014;

CONSIDERATE le criticità emerse cui occorre porre immediato rimedio;

CONSIDERATO che l’autorizzazione allo scarico è finalizzata ad accertare l’idoneità del corpo recettore ad assorbire il carico inquinante prodotto dai cicli di depurazione mantenendo la propria capacità autodepurativa e nel contempo a raggiungere un buono stato delle acque superficiali così come previsto dall’allegato 5 alla Direttiva 2000/60/CEE del Parlamento Europeo;

CONSIDERATI i vincoli e le prescrizioni previsti negli articoli 1 e 2 del provvedimento autorizzativo, pervenuto al comune di Mazara del Vallo, D.D.G. n. 1379 dell’11.09.2014 a firma del dott. Marco Lupo e dell’ing. Giusto Ingrassia Strano;

VISTA la Direttiva 2000/60/CEE del Parlamento Europeo;

VISTA la Norma UNI EN 13725 del 2004 in materia di qualità dell’aria;

CONSIDERATO il titolo V, della parte III del D.Lgs. 152/06;

VISTA la circolare dell’Assessorato energia e dei servizi di pubblica utilità del 27 luglio 2011;

ALLA LUCE delle varie richieste e proposte emerse durante la seduta predetta;

SI IMPEGNA L’AMMINISTRAZIONE COMUNALE A

Predisporre con urgenza tutti gli atti al fine di

1.     Completare l’impianto di depurazione in C/da Bocca Arena dotandolo di vasca di ossidazione primaria;

2.     Ottimizzare il processo di disinfezione del refluo al fine di garantire il rispetto del valore limite dei parametri di “escherichia coli”, ovvero adottando sistemi di disinfezione che consentano la riduzione della carica batterica con un uso limitato di sostanza disinfettante;

3.     Dotare il depuratore di sensori che permettano la rilevazione della presenza di sostanze nocive e/o tossiche ai fini del monitoraggio della qualità nell’aria;

4.     Dotare l’impianto di misuratore di portata in uscita e dei campionatori in continuo delle acque reflue sia in entrata ce in uscita entro 180 giorni come previsto dalla citata autorizzazione D.D.G. n. 1379 dell’11.09.2014;

5.     Effettuare periodicamente tutte le analisi del refluo in entrata ed in uscita prescritte e in particolare quelle relative ai metalli pesanti;

6.     Pubblicare sul sito del Comune tutti i dati relativi al funzionamento del depuratore (compresi i dati della portata in entrata e in uscita), e tutte le analisi prescritte dalla normativa, affinché il monitoraggio sia disponibile anche a tutti i cittadini in ogni momento;

7.     mettere in atto una defiscalizzazione delle imposte, dal periodo di “attivazione” del depuratore (sino a fine anno) per i residenti della contrada di Bocca Arena e dintorni, i quali hanno dovuto sopportare i miasmi olfattivi maleodoranti;

8.     provvedere al recepimento di nuova e corretta autorizzazione che consenta di scaricare le acque reflue del depuratore di c/da Bocca Arena nel Mar Mediterraneo;

9.     valutare la possibilità di allocare un altro impianto di depurazione da costruire ex novo, dotato di tecnologia di ultima generazione, in altro sito idoneo.

L’auspicio è, altresì, che i Consiglieri comunali tutti vogliano manifestare il loro assenso votando favorevolmente la proposta in oggetto.

 

Gli attivisti del MoVimento 5 stelle di Mazara del Vallo

Lascia un commento