Ennesima occasione persa, Mazara “senza” Mobilità Green

Bike-Sharing-MilanoIn ottemperanza e nel rispetto del programma noi attivisti mazaresi del M5S abbiamo continuamente posto l’attenzione su tematiche riguardo le quali si è particolarmente sensibili.

Il rispetto della natura, il protendere verso una qualità di vita migliore si manifestano attraverso la messa in pratica di buone abitudini.

Scegliere di utilizzare mezzi non inquinanti, optare per l’utilizzo di mezzi pubblici (possibilmente alimentati da fonti di energia rispettose dell’ambiente) sono le linee guida che dovrebbero orientare tutti i cittadini.

Le amministrazioni pubbliche dovrebbero cogliere ogni occasione al fine di creare le condizioni che consentano la fruibilità del territorio attraverso una mobilità sostenibile, spostamenti con mezzi pubblici possibilmente elettrici, biciclette, piste ciclabili.

Occorre riorganizzare la mobilità con l’obiettivo di diminuire i consumi energetici, riducendo l’immissione di anidride carbonica e anche l’intenso traffico veicolare, programmando interventi riguardanti la viabilità, la segnaletica, l’acquisizione di mezzi (auto, autobus, scuolabus, biciclette, biciclette a pedalata assistita, colonnine elettriche per la ricarica, etc etc).

L’attenzione e la solerzia non devono mancare allorquando si presentano occasioni come bandi e finanziamenti in parte o totalmente a fondo perduto che consentano investimenti in questo ambito.

Ebbene nel 2016, attraverso un’interrogazione a firma del portavoce in consiglio comunale Nicolò la Grutta, noi attivisti del locale meetup avevamo sensibilizzato l’amministrazione comunale sollecitando la partecipazione ad un bando inerente la “Mobilità Green”.

Si trattava di unire gli intenti fra vari comuni al fine di raggiungere la soglia minima utile (100.000 abitanti) per l’accesso ad un finanziamento attivando sinergie e progetti condivisi fra comuni limitrofi.

Collegare attraverso una progettualità sinergica le necessità e i bisogni di più città al fine di poter accedere a risorse per finanziare l’acquisto di bus elettrici, o per finanziare servizi ed infrastrutture per il car pooling, il car sharing, il bike sharing, il pedibus, ed ancora info-mobilità destinata in particolar modo al collegamento di aree a domanda debole.

Successivamente questa volontà è stata espressa e condivisa con i componenti della V commissione consiliare che all’unanimità hanno coinvolto il consiglio comunale tutto presentando un’apposita mozione che, purtroppo, non è stata sinora votata.

Rammarica il fatto che non si sia compresa l’importanza di questa opportunità, evidentemente sottovalutata dall’amministrazione comunale mazarese, che di contro ha visto la partecipazione e la condivisione di intenti fra ben quattro comuni del territorio provinciale (Marsala, Alcamo, Petrosino, Calatafimi-Segesta) i quali si sono premurati di programmare per tempo e di partecipare al bando “Mobilità Green” (le cui domande andavano presentate entro il 10 Gennaio 2017) con un progetto dal valore di oltre 1,6 milioni di euro.

Di sicuro non smetteremo di sollecitare l’amministrazione comunale, rimanendo costruttivi e propositivi.

Ci rammarichiamo, però, del fatto che ancora una volta Mazara abbia perso un’ottima opportunità.

Mazara del Vallo  25 Gennaio 2017

Gli attivisti del MoVimento 5 stelle di Mazara del Vallo

Lascia un commento